Sapori di casa mia: gli strangolapreti alla trentina

Non lasciatevi impressionare dal loro nome un po’ truculento: gli strangolapreti sono un’autentica delizia per il palato, parola di trentina! 🙂

Come molti di voi sapete, nelle mie origini – per parte paterna – c’è il meraviglioso Trentino. La terra dei miei avi, bellissima non solo da ammirare nelle sue molteplici bellezze naturali, ma anche buonissima da gustare nei suoi vari manicaretti locali. Le specialità gastronomiche del Trentino sono proprio tante, ma a me quella che piace di più è proprio questa: la ricetta degli strangolapreti, che ora passo subito a darvi, prendete carta e penna, amici! 

Strangolapreti alla trentina

Vediamo che cosa occorre per prepararli.

Per quattro persone:

300 gr di pane raffermo
3 uova
300 ml di latte
300 gr di spinaci lessati e tritati
3 cucchiai di farina
formaggio grattugiato
50 gr di burro
6 foglie di salvia
pepe
sale

Avete tutto a portata di mano? Bene, possiamo passare alla loro preparazione.

In una terrina spezzettate il pane e bagnatelo con il latte, una volta che è totalmente ammorbidito strizzatelo per bene e passatelo con un passaverdure. Unite gli spinaci (lessati, ben scolati e tritati), le uova e la farina. Aggiustate di sale e impastate gli ingredienti fino a quando non avrete un composto omogeneo che lascerete riposare per almeno 2 ore.

Da questo impasto ricavate degli gnocchi aiutandovi con due cucchiai. Mettete nel frattempo una pentola di acqua salata sul fuoco e una volta che questa raggiungerà l’ebollizione, buttate all’interno i vostri strangolapreti, che si comporteranno esattamente come gli gnocchi di patate: quando verranno a galla vorrà dire che sono cotti.

In una padellina intanto fate sciogliere il burro insieme alla salvia e a un pizzico di pepe. Il burro deve raggiungere una colorazione bruna. Scolate quindi gli strangolapreti e conditeli con il burro fuso insieme alla salvia ed infine, su questa autentica delizia, spargete con abbondanza una bella manciata di formaggio grattugiato. Serviteli caldi nel piatto e… buon appetito!! 🙂

***

Tutti i post della rubrica Baci alla panna & abbracci allo zenzero:

Maria Amata Di Lorenzo
Social

Maria Amata Di Lorenzo

Terapeuta a indirizzo psicobiologico specializzata in guarigione del sistema mente-corpo, psicologia della salute e medicina energetica, ha conseguito inoltre la preparazione in Assertiveness Coaching, per la gestione emozionale dei conflitti interpersonali in ambito familiare, affettivo e professionale. Maria Amata ha conseguito in precedenza una laurea in Lettere Moderne, lavorando per diversi anni nel giornalismo e nell'editoria e acquisendo competenze specifiche nel web marketing. Successivamente ha studiato Scienze della salute psicologiche e sociali, specializzandosi come terapeuta nell'ambito della consulenza psicobiologica. È autrice di numerosi libri - romanzi, raccolte di poesie e saggi letterari e spirituali - tradotti in diverse lingue (inglese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco, sloveno). Il suo blog è www.mariamatadilorenzo.it
Maria Amata Di Lorenzo
Social

Latest posts by Maria Amata Di Lorenzo (see all)

Leggi anche

Maria Amata Di Lorenzo

Terapeuta a indirizzo psicobiologico specializzata in guarigione del sistema mente-corpo, psicologia della salute e medicina energetica, ha conseguito inoltre la preparazione in Assertiveness Coaching, per la gestione emozionale dei conflitti interpersonali in ambito familiare, affettivo e professionale. Maria Amata ha conseguito in precedenza una laurea in Lettere Moderne, lavorando per diversi anni nel giornalismo e nell’editoria e acquisendo competenze specifiche nel web marketing. Successivamente ha studiato Scienze della salute psicologiche e sociali, specializzandosi come terapeuta nell’ambito della consulenza psicobiologica. È autrice di numerosi libri – romanzi, raccolte di poesie e saggi letterari e spirituali – tradotti in diverse lingue (inglese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco, sloveno). Il suo blog è www.mariamatadilorenzo.it

2 thoughts on “Sapori di casa mia: gli strangolapreti alla trentina

Rispondi