Venezia: tre anni, un mese e ventisei giorni

Ci sono cambiamenti nella vita che sono sempre abbastanza misteriosi e si comprendono solo con il passare del tempo, quando cioè tutti i tasselli si ricompongono a poco a poco e tu incominci a capire quel che è accaduto, e perché è successa quella tale cosa o quella tale altra, cose che sul principio ti apparivano abbastanza incomprensibili, dolorose, se non assurde.

Ci sono cambiamenti nella vita che sono sovente figli del dolore, che hanno un carico pesante dietro di sé, però in ogni caso mi piace guardare la natura, osservare per esempio la vita degli alberi: essi infatti ci guadagnano sempre dalle loro potature. E noi? Anche per noi le potature sono un toccasana. Sono lacrime benedette, che sul principio fanno male ma che poi invece portano tanto frutto.

Dunque, eccomi qui, con tre anni, un mese e ventisei giorni alle spalle in questa che è la mia città d’adozione. Conservare lo spirito d’infanzia e tirarlo fuori al momento giusto. Era quello che mi ero ripromessa incominciando una vita nuova a Venezia nell’autunno del 2014. Avere sempre occhi limpidi e aperti, per non giudicare, per custodire la bellezza e il mistero.

Mi avevano detto che Venezia è una città difficile. E io ne ho fatto una dura, a tratti durissima esperienza. Però mi domando: quale posto al mondo in fondo non lo è? Provengo da un’altra città, dalla capitale, una metropoli che ormai vive abbandonata al suo degrado, che non conserva nulla del suo antico splendore… Ma non è questo il punto, amici miei. Il punto non è come sono le cose ma come ci si pone di fronte ad esse. È solo questo che fa la differenza.

È come si dispone il proprio cuore, il modo in cui si affrontano gli scogli che la vita ci mette davanti. Si tiene aperto il proprio cuore oppure si sta sulla difensiva? Si è disposti ad imparare e magari a perdere qualcuna delle proprie certezze o si vive arroccati dentro se stessi, con le proprie convinzioni?

Aprire il cuore è importante. Anzi, è la cosa più importante. Vi ricordate – quanti di voi che lo hanno letto – quel colloquio illuminante riportato nel romanzo Norwegian Wood? Io ho scelto addirittura di metterlo come epigrafe del mio libro su Papa Francesco, e qualcuno di voi questa cosa me l’ha fatto notare con una certa sorpresa.

Ve lo ricordate che cosa diceva Haruki Murakami in quel dialogo?

“- Conosco la differenza tra le persone che sanno aprire il loro cuore e quelle che non sanno. Tu sai aprirlo, ma solo quando dici tu.
– E se uno lo apre cosa accade?
– Si guarisce.”

Ecco, amici miei, succede proprio così: si guarisce. Vi prego. Non ve lo dimenticate mai.

 

1504072_10152093062959588_2066973844_n.jpg

 

Auguri a tutti voi, cari amici ed amiche, nella lingua del vostro cuore.

Un gioioso e santo Natale, e arrivederci al nuovo anno!

Maria Amata

***

Maria Amata Di Lorenzo
Social

Maria Amata Di Lorenzo

Terapeuta, esperta in psicologia della salute e medicina energetica, Maria Amata Di Lorenzo ha conseguito nella prima parte della sua vita una laurea in Lettere Moderne col massimo dei voti, con successiva specializzazione in Giornalismo a Urbino, e ha lavorato per vari anni come giornalista in testate nazionali (stampa e tv) e nel mondo dell'editoria come consulente, autrice di libri e docente di scrittura creativa, acquisendo nel contempo competenze specifiche nel digital marketing che l'hanno portata nel corso degli anni ad essere un'esperta in strategie di comunicazione digitale, scegliendo sempre di operare con integrità e secondo i principi del marketing etico.

Giunta ai fatidici "anta", ha deciso di rimettersi a studiare a livello universitario e post-universitario per dare voce alle sue passioni più profonde (che sono la psicologia, la salute naturale e le neuroscienze) e di intraprendere un percorso parallelo alla scrittura, alla comunicazione e al marketing nel campo delle Scienze della Salute Psicologiche e Sociali, specializzandosi come terapeuta nell'ambito della consulenza psicobiologica e delle tecniche di guarigione mente-corpo (mind-body medicine).

Si è perfezionata in Counseling Umanistico e in Musicoterapia, ha quindi approfondito gli studi seguendo corsi di Naturopatia Scientifica e di Cromoterapia, per poi specializzarsi in Life Coaching a indirizzo psicobiologico. Ha conseguito inoltre la preparazione in Assertiveness Coaching, per la gestione emozionale dei conflitti interpersonali in ambito familiare, affettivo e professionale, e attualmente sta perfezionandosi come Consulente Scientifico e Formatore del Benessere presso la Scuola di Alta Formazione UNIPSI a Torino.

Ha iniziato giovanissima a pubblicare racconti, poesie e saggi, vincendo con i suoi testi diversi concorsi letterari nazionali. I suoi libri, che spaziano dalla narrativa alla saggistica e alla poesia, sono stati tradotti fino ad oggi in inglese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco, sloveno.

Tra le sue opere il romanzo "Non lasciarmi andare via", una storia di donne, di generazioni a confronto, sullo sfondo di un'isola bella e perduta: la Sicilia. Molto apprezzato dai lettori italiani, il romanzo è stato pubblicato in lingua inglese in 13 Paesi nel mondo.

Maria Amata Di Lorenzo è anche autrice di due raccolte poetiche, "Il tempo che oggi ti dorme nel cuore" e "In cammino senza lasciare la casa", e del saggio letterario "La luce e il grido. Introduzione alla poesia di Elio Fiore", dedicato a uno dei poeti italiani più significativi della seconda metà del Novecento.

Ha scritto inoltre "Teresa di Calcutta - Il romanzo di un'anima" (pubblicato oltre che in italiano, anche in edizione inglese e spagnola per il mercato mondiale) e "Nome in codice Teresina - Il romanzo di Teresa di Lisieux", e la galleria di ritratti femminili "Mistiche e sante e libere donne di Dio", trentacinque ritratti di donne straordinarie che hanno fatto la storia con la loro fede e la loro amorosa follia.

Dopo quattordici libri, scelti e pubblicati da apprezzate case editrici in Italia e all'estero, e forte di una lunga e proficua esperienza editoriale che dura da ormai venticinque anni, ha scelto di divenire un Autore Indipendente, e i suoi testi - pubblicati sotto la sigla Amata Independent Publishing - sono attualmente reperibili nelle librerie Amazon di tutto il mondo, in formato ebook e in edizione di carta.

Romana, con ascendenze familiari trentine e abruzzesi, Maria Amata Di Lorenzo vive a Venezia. Il suo blog è questo: www.mariamatadilorenzo.it
Maria Amata Di Lorenzo
Social

Latest posts by Maria Amata Di Lorenzo (see all)

Leggi anche

Maria Amata Di Lorenzo

Terapeuta, esperta in psicologia della salute e medicina energetica, Maria Amata Di Lorenzo ha conseguito nella prima parte della sua vita una laurea in Lettere Moderne col massimo dei voti, con successiva specializzazione in Giornalismo a Urbino, e ha lavorato per vari anni come giornalista in testate nazionali (stampa e tv) e nel mondo dell'editoria come consulente, autrice di libri e docente di scrittura creativa, acquisendo nel contempo competenze specifiche nel digital marketing che l'hanno portata nel corso degli anni ad essere un'esperta in strategie di comunicazione digitale, scegliendo sempre di operare con integrità e secondo i principi del marketing etico. Giunta ai fatidici "anta", ha deciso di rimettersi a studiare a livello universitario e post-universitario per dare voce alle sue passioni più profonde (che sono la psicologia, la salute naturale e le neuroscienze) e di intraprendere un percorso parallelo alla scrittura, alla comunicazione e al marketing nel campo delle Scienze della Salute Psicologiche e Sociali, specializzandosi come terapeuta nell'ambito della consulenza psicobiologica e delle tecniche di guarigione mente-corpo (mind-body medicine). Si è perfezionata in Counseling Umanistico e in Musicoterapia, ha quindi approfondito gli studi seguendo corsi di Naturopatia Scientifica e di Cromoterapia, per poi specializzarsi in Life Coaching a indirizzo psicobiologico. Ha conseguito inoltre la preparazione in Assertiveness Coaching, per la gestione emozionale dei conflitti interpersonali in ambito familiare, affettivo e professionale, e attualmente sta perfezionandosi come Consulente Scientifico e Formatore del Benessere presso la Scuola di Alta Formazione UNIPSI a Torino. Ha iniziato giovanissima a pubblicare racconti, poesie e saggi, vincendo con i suoi testi diversi concorsi letterari nazionali. I suoi libri, che spaziano dalla narrativa alla saggistica e alla poesia, sono stati tradotti fino ad oggi in inglese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco, sloveno. Tra le sue opere il romanzo "Non lasciarmi andare via", una storia di donne, di generazioni a confronto, sullo sfondo di un'isola bella e perduta: la Sicilia. Molto apprezzato dai lettori italiani, il romanzo è stato pubblicato in lingua inglese in 13 Paesi nel mondo. Maria Amata Di Lorenzo è anche autrice di due raccolte poetiche, "Il tempo che oggi ti dorme nel cuore" e "In cammino senza lasciare la casa", e del saggio letterario "La luce e il grido. Introduzione alla poesia di Elio Fiore", dedicato a uno dei poeti italiani più significativi della seconda metà del Novecento. Ha scritto inoltre "Teresa di Calcutta - Il romanzo di un'anima" (pubblicato oltre che in italiano, anche in edizione inglese e spagnola per il mercato mondiale) e "Nome in codice Teresina - Il romanzo di Teresa di Lisieux", e la galleria di ritratti femminili "Mistiche e sante e libere donne di Dio", trentacinque ritratti di donne straordinarie che hanno fatto la storia con la loro fede e la loro amorosa follia. Dopo quattordici libri, scelti e pubblicati da apprezzate case editrici in Italia e all'estero, e forte di una lunga e proficua esperienza editoriale che dura da ormai venticinque anni, ha scelto di divenire un Autore Indipendente, e i suoi testi - pubblicati sotto la sigla Amata Independent Publishing - sono attualmente reperibili nelle librerie Amazon di tutto il mondo, in formato ebook e in edizione di carta. Romana, con ascendenze familiari trentine e abruzzesi, Maria Amata Di Lorenzo vive a Venezia. Il suo blog è questo: www.mariamatadilorenzo.it

2 thoughts on “Venezia: tre anni, un mese e ventisei giorni

  1. Cara Maria Amata, come sempre quando scrivi, tocchi alcune corde molto importanti della nostra umana natura e di ciò che la trascende. Grazie.
    Ricambio di cuore i tuoi auguri con gli auguri più belli per il prossimo Natale e con un gioioso ‘arrivederci’ al prossimo anno nuovo.

lasciami il tuo commento... per me è importante ❤